Via Licia, restaurato il murale di Totti. Gli autori: "Rappresenta il Calcio, non deve dividere" (FOTO)

NEWS

Come per l'omaggio di Rione Monti, anche il murale dedicato a Totti in Via Licia non è destinato ad avere vita facile. Il tributo in bianco e nero, intitolato "In difesa di un amore aeterno", è apparso sul muro di un edificio in zona Porta Metronia poco meno di due mesi fa, in occasione del ritiro dalla Roma del suo ormai ex capitano. Dopo esser stato più volte imbrattato, stanotte ha ripreso vita. In vista di nuovi oltraggi all'opera, gli autori hanno scelto di allegare un messaggio personale.

Questo il testo:

"Con il presente comunicato teniamo a specificare quanto si racchiude in un semplice murale.

A noi piace pensare che, a cavallo tra più generazioni, questo murales rappresenti un punto di congiunzione tra più realtà, generazioni e perché no tifoserie, perché quest’opera è stata fatta con amore, ma soprattutto per amore verso il calcio, quel calcio che se ne sta andando.

A realizzarlo sono state mani, teste e cuori di giallorossi, biancocelesti e nerazzurri.

Non volevamo far nascere dispute tra romanisti e anti romanisti a suon di imbrattamenti, anzi,  questo murales era pensato per unire, così come Francesco ha unito tutti quanti noi nel giorno del suo addio al calcio giocato.

Ci  teniamo a specificare due caratteristiche dell'opera basate su una semplice scelta: raffigurare Francesco Totti di spalle.

Francesco che esce di scena e se ne va dal calcio giocato, voltando le spalle a quei “giocatori” che oggi basano i loro contratti solo in base al Dio denaro e senza badare allo stemma cucito sul petto, al contrario Suo che ha giurato AETERNO amore al suo popolo e alla sua squadra.

Inoltre non volevamo mostrare lo stemma dell'ASRoma, anche a rispetto di altre fedi calcistiche, perché Francesco Totti ha rappresentato il Calcio, e ora si dirige verso quel popolo che lo ha idolatrato, onorato, cantato e anche insultato perché da piccolo t'insegnavano che il nemico era il nemico, ma oggi Francesco ci ha ricordato che campioni come lui non ci sono più.

Grazie Francesco Totti, numero 10".