Di Francesco: "Col Porto Manolas recupera. Champions occasione per riportare entusiasmo"

NEWS

Il tecnico Eusebio Di Francesco è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Porto. Queste le sue parole:

Ritorna la sua Champions, ci restituirà una Roma guarita?
Il percorso è sempre lungo. Questa è un occasione per fare una grande partita e riportante entusiasmo alla gente. Ogni occasione è importante questa è ancora di più. Anche perché sono rimaste solo due squadre italiane in Champions League. Dobbiamo essere ambiziosi.

Che Porto si aspetta senza Marega e Gomes?
Credo che abbiano degli ottimi sostituti, uno Octavio l'altro Suarez, hanno giocatori forti con qualità importanti, più dei singoli hanno una squadra forte, tosta e dura e sa quello che vuole. Sono tra le squadre che hanno vinto più duelli difensivi. A livello di squadra si comportano veramente bene e sarà una gara dispendiosa dal punto di vista fisico. 

Chi recupera per domani? 
Sicuramente Manolas che oggi si è allenato con la squadra. Olsen sarà in dubbio fino a domattina. Rispetto a Verona, abbiamo perso Schick che domani non ci sarà. Gli altri infortunati non recupereranno sicuramente per domani, speriamo di rivederli con il Bologna, e mi riferisco a Under e Perotti.

Schick non ci sarà con il Bologna quindi?
Sto pensando al Porto e non lo so, Schick sarà difficilmente disponibile contro il Bologna. Perotti e Under forse si.

Con il ritorno di De Rossi, va fuori Nzonzi?
C'è la possibilità di vederli insieme anche domani, devo fare valutazioni in base alle loro condizioni, sono due titolari e sicuramente oggi Daniele farà l'allenamento con la squadra, ma visto che è diventato un po' 'enigmistico' sulle sue condizioni nella fine degli allenamenti, se darà risposte positive giocherà sicuramente lui. Per il resto è tutto da vedere.

Come giudica l'assenza di Marega e il lavoro di Sergio Conceicao?
Sta facendo un grande e lavoro come a Nantes ha dato identità alla squadra anche caratterialmente. Prima palleggiava con qualità ora è più concreta. Marega è differente da Soares, è un giocatore più di fisicità e più di gamba, in campo aperto diventa molto pericoloso.

Zaniolo può giocare a destra?
Non lo so, ma può giocare a destra o a centrocampista, lo ha fatto già e non lo stiamo nascondendo, ma non posso dare la formazione. Ci sono varie soluzioni, possono giocare lì sia Kluivert o Florenzi, dipende dal tipo di partita che voglio fare a seconda anche dell'avversario che ho di fronte. C'è questa possibilità.

Domani è più da giovani o da giocatori d'esperienza?
Serve il mix giusto, spesso la gamba fresca serve e non si può giocare solo di esperienza, a Daniele dicevo spesso che a fine carriera mi rendevo conto che mi allungava la lingua e mi si accorciavano le gambe. Per quello servono entrambe, Daniele non può essere sempre al top, serve l'esperienza e saper vivere queste partite. Spesso puoi avere grandi gambe, ma se poi ti tremano quando hai la palla e consumi tutte le energia prima fai fatica. La capacità sta nel preparare le partite in un certo modo e certi giocatori aiutano i ragazzi ad affrontarle meglio. Perciò servono entrambe.