Affare Dybala: perché Paulo può dire Roma

Dybala alla Roma. Da suggestione è diventata un’ipotesi, per niente scontata ma neppure irrealizzabile. Mourinho ha già parlato con lui e chiede ai Friedkin un salto importante verso l’alto per tornare in Champions League già dal prossimo anno.

Dybala, scrive Il Corriere dello Sport, ha iniziato a pensare alla Roma dopo la semifinale contro il Leicester ed è rimasto spiazzato dalla passione dei tifosi. In più l’effetto Mourinho non lo lascia indifferente. Per questo, confrontandosi con il suo staff, ha dato la disponibilità ad aprire un tavolo, dopo aver pagato diverse settimane ad immaginarsi all’Inter. La Roma, da parte sua, fiuta un colpo clamoroso, non solo sul piano tecnico ma anche simbolico: ingaggiare un campionato dallo standing internazinonale certificherebbe l’ambizione dei Friedkin di proporsi come alternativa delle grandi.

Ma qui subentra un elemento contrario. Da svincolato, Dybala diventa un bocconcino per tutti. E il procuratore vuole tirar fuori il meglio dal contratto che il suo cliente firmerà dopo il 30 giugno. La Roma non può proporre stipendi da 8/9 milioni di euro netti senza neanche poter usufruire del decreto crescita ed inoltre i Friedkin hanno avviato una ferrea politica sulle commissioni agli agenti: Tiago Pinto non potrà pagare ai procuratori più del 10% del contratto stipulato. Il calciatore preferisce la Champions League ed i giallorossi non possono esaudire questa richiesta.

Il gm della Roma deve pensare anche a vendere e, qualora partisse Zaniolo, che occuperebbe la posizione di Dybala, la trattativa con l’argentino sarebbe tollerata a certe condizioni. Al momento però a Trigoria non sono arrivate offerte degne di essere considerate per il numero 22.

Intanto Mourinho ha chiesto altri 3 calciatori per migliorare la rosa, ovvero un regista, un esterno destro da alternare a Karsdorp ed un difensore centrale mancino. Prima però bisogna cedere e sulla lista dei partenti ci sonoPerezDiawaraVeretoutShomurodovVina e VillarDarboe andrà in prestito, mentre è in bilico il riscatto di Oliveira. A prescindere dalla finale di Conference League, la Roma sarà molto diversa nella prossima stagione.

Leggi le altre news sulla Roma