La Mattina di RS Sabato

La Mattina di RS Sabato

Palinsesto - Retesport 104.2 FM

Condividi l'articolo

Ascolta La Mattina di RS Sabato

in onda il sabato su Retesport 104.2 FM
dalle 10:00 alle 13:00

Conduttori

Fabio Maccheroni

Fabio Maccheroni

Fabio Maccheroni 16-07-55. Ricordo la prima volta all’Olimpico io con i pantaloni corti e la Roma con la classifica corta. Fu una delle rare volte che non andai in Curva, cercando un posto a ridosso di Dante che era un mito, quasi come chi scendeva in campo. Fino a 18-20 anni fu così, poi il lavoro. Da giornalista ho seguito un percorso naturale: Roma, calcio e non solo calcio. Dove ho lavorato? Direi ovunque, dal Corriere dello Sport, Carlino, Nazione dove ho esordito da collaboratore, a Boxe Ring, fino a Il Tempo dove ho avuto la prima assunzione e quindi il primo lavoro vero: 1983, anno indimenticabile, scudetto Roma e Banco di Roma. Dal ’94 ho cambiato percorso: L’Informazione, Ansa, Corriere dello Sport, Rai, collaborazioni con Corriere della Sera (e sicuramente dimentico qualcosa), finché non sono stato chiamato per un’avventura che mi stimolava, responsabile sport e spettacolo a Leggo, freepress del gruppo Caltagirone: 2001, scudetto della Roma. E proprio in questo periodo ho ripreso a collaborare con le emittenti romane, soprattutto con Rete Sport, dove conduco da anni e con Gabriele Fasan che mi sopporta perché gli offro la colazione, ma in fondo mi odia.

Scopri di più...

Gianluca Piacentini

Gianluca Piacentini

Sono nato a Roma il 23 maggio del 1975. Ho avuto la fortuna di vedere (ricordandomeli) due scudetti, il che fa di me un privilegiato, ma anche drammi sportivi da cui non mi sono più ripreso. Come tutti i romanisti capisco fin da subito che la mia vita sarebbe stata una sofferenza. Il 31 maggio 1984 (il giorno dopo, non è un errore) capisco che il modo migliore per superare tutto quel dolore sarebbe stato metterlo nero su bianco. Ero a scuola e mentre i miei compagni di classe ridevano e scherzavano, io scrivevo, dopo aver pianto. Come molti aspiranti giornalisti ho cominciato, svariati anni dopo, dai campetti di periferia, quelli con le liste scritte a mano e i numeri che non si leggono da lontano. Grazie ad una buona dose di fortuna, ostinazione e tanta gavetta, nel 2008 sono diventato professionista: mi vanto di aver scritto per il Corriere dello Sport e Il Romanista, oggi sono al Corriere della Sera. Se la carta stampata è una passione, la radio è un amore totale e incondizionato. Rete Sport era nel mio destino: qui ho cominciato raccontando il calcio giovanile, dopo oltre 15 anni sono tornato a casa.

Scopri di più...